FTSE Mib Dispersi,sfollati....ed anche un po' malati... (1 Viewer)

PILU

STATE SERENI
GIORNO A TUTTI...
Quando il famoso granello farà saltare il banco ?

NEW YORK (WSI) - Il mercato dei derivati sul debito sovrano non fa dormire la notte i banchieri centrali.

È un mercato da $555 mila miliardi solo per i tassi di interesse, con le banche che hanno scommesso un ammontare pari a sei volte il Pil mondiale.

Se si prende come esempio la sola Spagna, si scopre che il mercato dei bond è di mille miliardi di dollari, ma quello dei derivatiu vale almeno dieci volte tanto.

Il mercato globale dei bond vale 100 mila miliardi di dollari oggigiorno. Le aziende Usa da sole stanno per emettere debito per 1.500 miliardi di dollari solo nel 2014. Sarebbe il terzo anno consecutivo in cui si realizza un record assoluto per i bond societari.

Uno dei motivi per cui il mercato ha assunto tali dimensioni è dda ricercare nel comportamento di alcune nazioni sovrane, che in certi casi hanno deciso di ripagare i creditori con altro debito.

Gli Usa lo hanno fatto negli ultimi mesi, per esempio, emettendo mille miliardi di dollari di Bond per rifinanziare il vecchio debito in scadenza.

Perciò, non solo la bolla dei bond ha dimensioni pari a oltre 100 mila miliardi di dollari, ma crescerà mese dopo mese. Se tutto andasse liscio non ci sarebbe da preoccuparsi.

Non fosse per un particolare: l'81% di tutte le operazioni di trading sui derivati si basano sui tassi di interesse (i bond). In totale il mercato dei derivati dei tassi di interesse vale 555 mila miliardi di dollari.

Si tratta di attività di trading che si basano sui tassi di interesse che a loro volta sono basati sulla bolla dei bond. Si capisce bene come il pericolo di uno scoppio di tale bolla non vada preso sotto gamba.

Per capire meglio le dimensioni e la pericolosità del fenomeno, anche se si considera per ipotesi che solo il 4% degli scambi sono a rischio e che il 10% di essi finirà per fare crac, il capitale di una manciata di grandi banche europee verrebbe spazzato via..

ma quando arriverà il momento se arriverà.. basterà tenere chiuso il portone per qualche settimana tempo di trovare la soluzione e la festa continuerà.. mica ci si può permettere la 3 guerra mondiale .. o no ?
 

PILU

STATE SERENI
Nel 2015 avremo il leit motivo nel petrolio...

NEW YORK (WSI) - L'Opec non taglierà "mai" la produzione, non lo farà nemmeno se i prezzi del greggio dovessero scendere a $20 al barile.

A dirlo è stato il leader 'de facto' del cartello, il ministro del petrolio dell'Arabia Saudita. "Qualunque sia il prezzo del petrolio, non è nell'interesse dell'Opec ridurre la produzione. Sia che scenda a $20, $40, $50 o $60, non è rilevante".

Si tratta di un cambiamento drastico delle politiche dei maggiori esportatori di greggio, che avrà implicazioni sia sull'industria reale sia sui mercati.

In un'intervista a Middle East Economic Survey, Ali al-Naimi ha utilizzato toni insolitamente franchi, mettendo in soffitta la vecchia strategia del cartello che consisteva nel mantenere alti i prezzi limitando la produzione di petrolio.

Tale strategia non è più nell'interesse dell'Opec: ora la politica principale da adottare è difendere a tutti i costi la quota di mercato a tutti i costi.

L'Opec si è stancata di dover intervenire per garantire la stabilità dei prezzi. Ciò significa - tenetevi forte - che saranno i mercati a stabilire il costo della materia prima

chi capirà come andrà il suo prezzo farà bingo :-o:D
 

Ranger

Swing Trader
Buongiorno Signori miei e auguri di buone feste :bow:

mercati : in atmosfera natalizia ....fermi x riprendere dopo le feste , la legge di stabilita' passa ma al mercato sembra faccia nemmeno il solletico :mmmm:

meteo : poco nuvoloso ;)

notizie :

oggi il cittadin puo' controllare dove vanno i suoi soldi :-o

Soldipubblici.gov.it è online: così viene speso il denaro pubblico.

il sito piu cliccato dagli italiani :eek: (sempre dopo youporn) :D
 

DRIVE

Massaio di Voghera
questo e' un settimanale di lungo

a me questa melina del listino che salta fuori ad ogni scusa ( ma che capso ce ne fotte della Grecia )..dimostra che i dati hanno ragione e cioe' che siamo impantanati in una depressione senza crescita ( dato delle vendite di oggi di ottobre 0%)..

non mi piace vedere i ribassi, perche' solo una ciurma di de.ficienti come Renzi &Co. non capisce che se la finanza va bene l'economia segue..pero' questi ci stanno trascinando nel baratro

oltre che portare a casa i Maro', portate a casa la sede di BorsaItaliana

se il mercato non prezza un po' di ottimismo, anche con un Q.E. a breve..e' proprio sull'orlo del precipizio che si vede anche sul grafico

solo sopra 20100 potremmo essere un po' sereni..ma qui..no
 

Allegati

  • nostrano.PNG
    nostrano.PNG
    79,4 KB · Visite: 255
Ultima modifica:

Users who are viewing this thread

Alto