Obbligazioni valute high yield TURCHIA bond in usd e lira turca (7 lettori)

2K2

We will arrive in the fog
La Banca centrale di Türkiye ha effettuato un altro ampio rialzo dei tassi, aumentando il tasso di riferimento principale di 500 punti base al 30%.



Il rialzo del tasso d'asta pronti contro termine a una settimana è stato in linea con le aspettative del mercato. Ciò si aggiunge all'aumento cumulativo di 1.650 pb del tasso di riferimento nei tre mesi precedenti, portando il rialzo totale a 2.150 pb da giugno.

Il comitato ha deciso di continuare il processo di stretta monetaria al fine di stabilire il corso della disinflazione il prima possibile, ancorare le aspettative di inflazione e controllare il deterioramento del comportamento dei prezzi, ha detto la banca in una dichiarazione rilasciata dopo la riunione del Comitato di politica monetaria il 21 settembre.

Il tasso di riferimento sarà determinato in modo da creare le condizioni monetarie e finanziarie necessarie per garantire un calo della tendenza sottostante dell'inflazione e per raggiungere l'obiettivo di inflazione del 5% nel medio termine, ha affermato la banca.

"La stretta monetaria sarà ulteriormente rafforzata quanto necessario in modo tempestivo e graduale fino a quando non sarà raggiunto un significativo miglioramento delle prospettive di inflazione".

Gli indicatori dell'inflazione e la tendenza di fondo dell'inflazione saranno attentamente monitorati e il comitato continuerà a utilizzare con decisione tutti gli strumenti a sua disposizione in linea con il suo obiettivo principale della stabilità dei prezzi.



Il tasso di inflazione annuale è salito dal 47,8% di luglio al 58,9% di agosto, con i prezzi al consumo in aumento del 9,1% su base mensile.

Le letture dell'inflazione sono state superiori alle aspettative a luglio e agosto, ha osservato la banca nella dichiarazione, avvertendo che poiché il forte corso della domanda interna e la vischiosità dell'inflazione dei servizi persistono, l'aumento dei prezzi del petrolio e il continuo deterioramento delle aspettative di inflazione pongono ulteriori rischi al rialzo per l'inflazione.

Le normative fiscali e le pressioni sui costi derivanti dai salari e dai tassi di cambio, che hanno spinto verso l'alto l'inflazione, sono ampiamente passate ai prezzi, e la tendenza di fondo dell'inflazione mensile è destinata a diminuire, secondo la banca.


"Data la posizione di stretta monetaria, il comitato è determinato a stabilire il corso della disinflazione nel 2024".

Per aumentare la funzionalità dei meccanismi di mercato e rafforzare la stabilità macrofinanziaria, il comitato continua a semplificare e migliorare l'attuale quadro microprudenziale e macroprudenziale.



Guidato da analisi d'impatto, il processo di semplificazione continuerà ad essere graduale, ha ribadito la banca.

"In questo contesto, le recenti normative mirate a una quota crescente di depositi in lire turche rafforzano il meccanismo di trasmissione monetaria. Oltre all'aumento del tasso di riferimento, il comitato continuerà a prendere decisioni sulla stretta quantitativa e sulla stretta selettiva del credito per sostenere l'orientamento della politica monetaria".

(Hurriyet Daily News)
 

2K2

We will arrive in the fog
Acquisisci schermata Web_26-9-2023_85051_twitter.com.jpeg
 

2K2

We will arrive in the fog

Turchia-Usa: Erdogan, "acquisto F-16 più vicino con dimissioni Menendez"​

Ankara, 26 set 14:53 - (Agenzia Nova) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che le dimissioni di Bob Menendez, l'ormai ex capo della commissione esteri del Senato statunitense, offrono l'opportunità di accelerare la vendita di aerei da combattimento F-16 alla Turchia. Lo riferisce oggi il sito d'informazione turco "Hurriyet Daily News". “Grazie a questo sviluppo, potremmo avere l'opportunità di velocizzare il processo relativo alla vendita degli F-16. Menendez e coloro che condividono la sua mentalità non stanno solo creando ostacoli sugli F-16 ma su tutte le altre questioni", ha detto Erdogan ai giornalisti al suo ritorno da Nakhichevan, dove ha incontrato il presidente azero Ilham Aliyev. (segue)
 

2K2

We will arrive in the fog

Turchia-Uzbekistan: Ankara e Tashkent puntano a volume commerciale da 5 miliardi di dollari​

Ankara, 27 set 14:53 - (Agenzia Nova)- La Turchia e l'Uzbekistan puntano ad aumentare gli investimenti reciproci per raggiungere l'obiettivo di un volume commerciale del valore di 5 miliardi di dollari. Ne hanno discusso i ministri degli Esteri turco, Hakan Fidan, e uzbeko, Bakhtiyor Saidov, durante la terza riunione del Gruppo congiunto di pianificazione strategica Turchia-Uzbekistan ad Ankara. Nel corso dell'incontro, i due hanno anche parlato dei preparativi del Consiglio di cooperazione strategica di alto livello, e del rafforzamento della cooperazione nei settori dell'energia, dei trasporti, del turismo, dell'edilizia, dell'istruzione, della difesa e della sicurezza. Infine, gli altri punti toccati dai due ministri sono stati gli sviluppi regionali e internazionali, comprese le relazioni dei rispettivi paesi all'interno dell'Organizzazione degli Stati turchi. (Tua)
 

2K2

We will arrive in the fog
Il ministro delle finanze Mehmet Şimşek ha espresso ottimismo sulle prospettive di Türkiye, ma ha sottolineato la necessità di pazienza e fiducia nel cambiamento nella politica economica, avvertendo che il percorso da percorrere rimane impegnativo.

Da quando il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha vinto la rielezione a maggio, il suo team economico di tecnocrati rispettati ha invertito il ciclo di allentamento durato anni e ha aumentato aggressivamente i tassi di interesse per raffreddare l'inflazione, ricostruire le riserve di valuta estera e frenare il cronico deficit delle partite correnti.

Erdoğan ha espresso pubblicamente il suo sostegno al cambiamento di politica che ha visto la banca centrale della contea triplicare il suo tasso repo di riferimento a una settimana al 30%, compresi due considerevoli aumenti ad agosto e settembre.

La banca ha promesso di essere pronta ad aumentare ulteriormente i tassi, se necessario, per frenare l'inflazione, che è tornata a quasi il 60% ad agosto.

Şimşek, un rispettato politico veterano, ha detto che Erdoğan ha gettato il suo "sostegno e impegno" dietro la revisione della politica, sottolineando che il governo stava cercando di "riequilibrare l'economia e ammorbidire la domanda interna".

"Siamo sulla strada giusta. Ci sono forti prove che la fiducia sta tornando. Ma dobbiamo essere pazienti, è ancora impegnativo", ha detto Şimşek in un'intervista al Financial Times pubblicata mercoledì.

"Abbiamo già preso misure drammatiche", ha detto.

Il ministro ha sottolineato l'importanza di stimolare le esportazioni e gli investimenti, riducendo al contempo la dipendenza dalla spesa dei consumatori, che ha contribuito all'inflazione.

L'inflazione dovrebbe aumentare ulteriormente verso la fine dell'anno e il governo prevede che finirà al 65%. Si aspetta che entri in una tendenza al ribasso a partire dalla prima metà del 2024.

Şimşek ha detto che l'inflazione rimane in una "fase di transizione" fino alla metà del prossimo anno. Ha evidenziato condizioni finanziarie già rigide a causa non solo del tasso di riferimento della banca centrale, ma anche di altre misure adottate per inasprire la politica.

Şimşek ha sottolineato l'importanza della fiducia nel resettare le aspettative di inflazione e ha sottolineato varie misure come il contenimento dei prestiti ai consumatori e alle imprese e l'aumento delle tasse.

Türkiye mira anche a ridurre gradualmente uno schema di risparmio da 123 miliardi di dollari (3,36 trilioni di TL) che ha cercato di proteggere i depositi in lire turche dal deprezzamento rispetto alle valute estere, ha osservato il ministro.

Conosciuto come KKM, lo schema è stato presentato alla fine del 2021 per sostenere la lira in mezzo a un forte deprezzamento e scoraggiare la domanda di valute forti.

Le misure adottate da giugno hanno già prodotto segnali positivi di progresso, tra cui un aumento delle riserve in valuta estera, una riduzione dei costi per la protezione dal default del debito turco e la riconquista dell'accesso delle imprese ai mercati obbligazionari internazionali.

Şimşek la scorsa settimana ha detto che il paese ha assicurato 10,4 miliardi di dollari in finanziamenti esterni da giugno. Di questi, il settore bancario ha assicurato oltre $ 6,7 miliardi, il settore reale ha attratto $ 3,26 miliardi e il settore finanziario non bancario ha rappresentato $ 367 milioni.

"Man mano che progrediamo, la capacità delle aziende e delle banche di attingere ai mercati internazionali dei capitali migliorerà – e questa è la chiave. Una volta che saremo lì, il nostro lavoro sarà più facile", ha detto Şimşek al FT.

Inoltre, Şimşek ha discusso l'importanza di promuovere relazioni costruttive con i paesi occidentali e gli stati del Golfo per rilanciare l'economia. Türkiye e gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno firmato 50 miliardi di dollari in accordi di investimento e finanziamento a luglio.

Ha espresso la volontà del Ministero delle Finanze di cooperare con l'Unione europea per migliorare l'unione doganale, la liberalizzazione dei visti e la collaborazione in materia di sicurezza, migrazione ed energia.

(Daily Sabah del 27/9/2023)
 

2K2

We will arrive in the fog

Nato: fonti diplomatiche, ministro Esteri Turchia e Stoltenberg discutono allargamento​

Ankara, 29 set 15:44 - (Agenzia Nova)- Il ministro degli Esteri della Turchia, Hakan Fidan, e il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, hanno avuto una conversazione telefonica in cui hanno discusso dell'allargamento dell'Alleanza atlantica. Lo hanno dichiarato fonti diplomatiche turche, citate dall'agenzia di stampa "Anadolu". In seguito al colloquio, non sono stati condivisi ulteriori dettagli. (Tua)
 

Users who are viewing this thread

Alto