farmaci che uccidono... non solo vaxini (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
interessante: midazolam+idromorfone sono utilizzati per uccidere i condannati a morte negli USA da almeno 10 anni

McGuire è stato il primo condannato a morte americano, giustiziato seguendo un nuovo protocollo di iniezione letale: il sedativo midazolam e l'antidolorifico idromorfone, al posto dei barbiturici (thiopental, pentobarbital), utilizzati negli ultimi anni a questo scopo.28 gen 2014
 
Ultima modifica:

tontolina

Forumer storico

Il sangue avvelenato​

Blood_Donation_Bag-1.jpg

Di Jochen Ziegler
Versione in tedesco
La catastrofe medica causata dalle vaccinazioni Covid sta diventando sempre più senza precedenti. È ora emerso che le donazioni di sangue di persone vaccinate contengono la pericolosa proteina spike.
Per una minoranza critica di medici, tra cui la cerchia di colleghi che scrivono per Achgut, è chiaro dall’estate 2020 che i cosiddetti “vaccini” contro la SARS-CoV-2 sono in realtà terapie geniche che non hanno alcun effetto contro l’agente patogeno, ma sono tossiche. È sorto presto il sospetto che il sangue dei donatori “vaccinati” potesse avvelenare i riceventi. La questione viene ora affrontata in uno studio scientifico giapponese di J. Ueda e altri. (Concerns regarding Transfusions of Blood Products Derived from Genetic Vaccine Recipients and Proposals for Specific Measures)

In primo luogo, gli autori descrivono i numerosi effetti tossici dei farmaci della terapia genica sui vaccinati, come abbiamo già spiegato più volte qui. Essi giungono alla conclusione che “non c’è più alcun dubbio che la proteina SPIKE utilizzata come antigene nei vaccini genetici sia essa stessa tossica”. Questo è documentato in modo molto dettagliato e professionale. I più importanti effetti tossici della “vaccinazione” sono:
1. disturbi della coagulazione del sangue, come la carenza di piastrine (trombocitopenia), la trombosi venosa cerebrale profonda o l’embolia polmonare, tutti fatali o che spesso portano a gravi danni cronici.
2. deformazione degli eritrociti (globuli rossi), contaminazione del sangue con residui della produzione di vaccini, infiammazioni e malattie autoimmuni causate da nanoparticelle lipidiche (BioNTech e Moderna).
3. danni a tutti gli organi dovuti alla produzione della proteina spike negli endoteli dei vasi sanguigni e nelle cellule parenchimatiche degli organi. Gli esempi più noti sono la miocardite e la glomerulonefrite (distruzione dei reni). Tuttavia, questo include anche i danni ai feti causati dalla vaccinazione delle donne in gravidanza, che potrebbe aver portato al più grande declino mai registrato del tasso di natalità nel 2022.
4. le malattie autoimmuni indotte dai vaccini. Queste continueranno a far ammalare nei prossimi anni le persone che sono state “vaccinate” per l’ultima volta nel 2021, perché possono volerci anni prima che i danni agli organi risultanti diventino clinicamente visibili. Molti organi tollerano una perdita parziale di cellule e collassano funzionalmente solo quando metà o più del parenchima è distrutto.
5 VAEH e VAIDS, ovvero l’immunodeficienza innescata dalla vaccinazione e l’aumento della probabilità di contrarre la COVID. Questo può portare anche a un aumento della probabilità di contrarre altre malattie infettive, nonché a un rischio notevolmente maggiore di sviluppare il cancro e a un decorso peggiore della malattia rispetto alle persone non vaccinate (il cosiddetto turbo cancro). Un meccanismo importante di queste sindromi è la sovrapproduzione di IgG4.
6. neurotossicità centrale, dovuta a un danno d’organo diretto al cervello attraverso la formazione di amiloide indotta dalla proteina Spike, che può portare a deficit cognitivi e persino a demenza.
7. danni al sistema nervoso periferico con sindromi gravi come la Guillain-Barré (polineuropatia con debolezza muscolare) o la causalgia (dolore bruciante diffuso in tutto il corpo).
La percentuale di persone vaccinate che hanno sofferto di almeno uno dei danni sopra elencati è poco conosciuta, ma è probabile che sia almeno l’1%.

Quali di questi danni sono trasferibili a chi riceve il sangue?
Quanto tempo dopo la vaccinazione le tossine circolano nel sangue del donatore? Si può presumere che due settimane dopo la vaccinazione la maggior parte delle molecole tossiche (principalmente nanoparticelle ed esosomi, ma anche altre molecole, vedi sotto) siano scomparse. Tuttavia, la proteina Spike è ancora prodotta nell’organismo per mesi dopo la vaccinazione, anche se in piccole dosi. Questo è dannoso per la persona vaccinata, perché la proteina è tossica anche in piccole dosi e può innescare e alimentare malattie autoimmuni.
Purtroppo, ai vaccinati è stato permesso di donare nuovamente il sangue 24 o 48 ore dopo la vaccinazione, quindi nelle banche del sangue sono sicuramente presenti prodotti ematici con una percentuale rilevante di molecole tossiche. Inoltre, gli autori hanno ulteriori preoccupazioni che si applicano anche quando le donazioni di sangue vengono effettuate molto tempo dopo la vaccinazione.

Essi elencano sei categorie di tossine presenti nel sangue di chi ha ricevuto il vaccino.
Le tossine nel sangue della persona vaccinata
In primo luogo, la proteina spike, altamente tossica, si trova nel sangue di chi ha ricevuto il vaccino, soprattutto se la donazione è avvenuta poco dopo la vaccinazione. Queste possono danneggiare il ricevente.
In secondo luogo, gli emoderivati possono contenere nanoparticelle lipidiche che possono passare ai riceventi la trasfusione. Le particelle sono di per sé pro-infiammatorie e possono anche scatenare una cosiddetta malattia autoimmune indotta dall’adiuvante, indipendentemente dall’effetto della proteina spike.
In terzo luogo, il sangue del donatore può contenere trombi (coaguli di sangue) che danneggiano il ricevente, ad esempio attraverso micro infarti nel cervello.
In quarto luogo, i donatori possono essere infettati in modo acuto o cronico da agenti patogeni trasportati dal sangue a causa della loro immunodeficienza. Questi possono essere trasferiti ai riceventi e farli ammalare in modo permanente, perché l’infezione attraverso il flusso sanguigno è molto più pericolosa di quella che avviene per vie naturali (come la respirazione o l’alimentazione).
In quinto luogo, nel corpo della persona vaccinata si formano amiloidi e aggregati di microtubuli amiloidi. Si tratta di minuscoli ammassi proteici costituiti da proteine anomale, indotte dalla Spike, come quelle presenti nel morbo di Alzheimer, e dai resti del citoscheletro delle cellule distrutte dalla vaccinazione. Questi amiloidi e aggregati sono tossici e possono causare danni agli organi e al cervello.
In sesto luogo, il sangue del donatore contiene cellule IgG4-positive (un tipo particolare di cellula immunitaria), che possono scatenare un’infiammazione cronica nel ricevente.
Mentre le prime tre categorie di tossine nel sangue del vaccinato si verificano solo se il vaccinato dona il sangue nei primi giorni dopo la vaccinazione, gli ultimi tre effetti sono possibili anche se la vaccinazione precede la donazione di mesi o anni.
Non è possibile quantificare quanti emoderivati siano colpiti e in che misura, poiché non esistono studi o indagini in merito e non ne sono in corso, in quanto questo crimine medico non è ancora stato indagato. Tuttavia, dal momento che almeno la metà della popolazione dell’emisfero settentrionale (in occidente molto di più, fino all’85%) è stata avvelenata (“vaccinata”) con genotossici, si può presumere che una percentuale rilevante di prodotti ematici sia stata avvelenata. Una stima approssimativa suggerisce che almeno due terzi dei donatori di sangue in Germania sono stati vaccinati con genotossici. Se una delle categorie di tossine sopra citate viene trovata nel sangue del 5% dei vaccinati, allora il 2-3% dei prodotti ematici è avvelenato. Poiché solo le ultime tre categorie possono essere presenti anche anni dopo la vaccinazione e i malati cronici vaccinati, nei quali queste tossine si manifestano più frequentemente, scompaiono lentamente dal gruppo dei donatori perché diventano troppo malati per donare o muoiono, questa percentuale dovrebbe diminuire anche in considerazione dell’emivita degli emoderivati (tra 30 giorni e 2 anni).
La percentuale di emoderivati avvelenati non è mai stata così alta come oggi.
Ciononostante, esiste un rischio serio e abbastanza probabile per i riceventi di emoderivati di essere danneggiati dalla trasfusione. È vero che anche in passato gli emoderivati sono stati contaminati, ad esempio dall’HIV, dai virus dell’epatite o forse anche dai prioni. Ma mai nella storia della donazione di sangue, iniziata intorno al 1900 con la scoperta dei gruppi sanguigni da parte di Karl Landsteiner, la percentuale di emoderivati avvelenati è stata così alta come oggi.
Gli autori dell’articolo propongono una serie di misure per controllare gli emoderivati e ridurre il rischio per i riceventi. Ma è discutibile che queste misure vengano seguite. È probabile che finché le tossine non scompariranno dagli emoderivati attraverso l’eliminazione dei donatori avvelenati descritta sopra, dovremo semplicemente fare i conti con i danni conseguenti ai riceventi. Ancora una volta, ciò riguarderà i malati cronici, che dipendono cronicamente dagli emoderivati, o le vittime di incidenti che devono ricevere sangue in modo acuto.
Tuttavia, il Paul-Ehrlich-Institut non è preoccupato per il rischio rappresentato dai prodotti ematici avvelenati di persone vaccinate, ma per il presunto rischio di trasmissione della SARS-CoV-2 tramite trasfusione di sangue. Sebbene questo rischio esista se si riceve il sangue di una persona vaccinata che è stata reinfettata con il SARS-CoV-2 e ha virus nel sangue, il rischio è piuttosto basso, poiché un tale paziente avrebbe la febbre e dovrebbe quindi essere escluso dalla donazione.
Tuttavia, nessuna istituzione medica pubblica in Germania richiede test sistematici sui prodotti del sangue. E le pipeline di ricerca dei produttori di farmaci sono piene di altri prodotti a base di mRNA. Considerando lo stato della medicina accademica, qualsiasi medico razionalmente impegnato a servire l’umanità non può non essere imbufalito.

 

Users who are viewing this thread

Alto